SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE – P.U.A.

Il Servizio Sociale territoriale è il luogo dell’accoglienza dei cittadino, delle sue problematiche complesse e non. Al servizio sociale professionale spetta la presa in carico dell’utente e la responsabilità del progetto individualizzato sul singolo caso.
L’assistente sociale, quale case manager, è la figura professionale in grado di assumersi la responsabilità istituzionale del progetto individualizzato, da realizzare insieme all’utente, alla sua famiglia, all’ASL e agli altri servizi o enti se coinvolti.
Oltre all’importanza che tale servizio riveste nei confronti del cittadino, esso ricopre un ruolo fondamentale anche nei confronti dell’Ufficio di Piano. Sono gli assistenti sociali di questo servizio che, determinando l’accesso nel sistema integrato dei servizi, operano a costante contatto con i bisogni dei cittadini.

In stretta connessione con il Servizio Sociale Professionale opera il Segretariato Sociale (Antenne sociali) il quale ha la funzione di accoglienza, informazione, orientamento, filtro della domanda e collegamento con i diversi servizi territoriali.

Il segretariato sociale rappresenta la Porta Unitaria d’Accesso (P.U.A.) al sistema dei servizi sociali e socio-sanitari erogati dall’Ambito territoriale B1.

Presso tutti i Comuni dell’Ambito è presente uno sportello di segretariato a cui i cittadini possono rivolgersi, negli orari di apertura, senza alcuna formalità per avere informazioni, una prima accoglienza e orientamento sulla rete dei servizi, l’accesso diretto a prestazioni erogate dai comuni che non richiedono l’intervento e la valutazione di un assistente sociale. Se il cittadino, per far fronte al proprio bisogno, richiede invece un intervento sociale, verrà concordato un colloquio.

La Porta Unitaria di Accesso è, quindi, una struttura di snodo dell’offerta dei servizi alla persona, sanitari e sociali, a cui il cittadino si rivolge, eliminando duplicazioni e sovrapposizioni. I punti di accesso territoriali sono ubicati non solo presso tutti i Comuni dell’Ambito B1 ma anche presso le sedi delle U.O.Distrettuali. Alla P.U.A. compete la funzione di accoglienza e informazione, di valutazione di primo livello del bisogno, finalizzata ad avviare un percorso di accesso al sistema dei servizi che, a seconda dell’intensità delle situazioni problematiche espresse, semplici o complesse, possa prevedere l’attivazione di tutte le risposte necessarie a soddisfare la richiesta ed il bisogno del cittadino in relazione alle risorse disponibili. In caso di bisogno semplice, cui corrisponde l’erogazione di prestazioni sociali o sanitarie che non richiedono una valutazione multidimensionale, tutti i punti di accesso svolgono funzioni di informazione, orientamento, invio ed accompagnamento alla prestazione richiesta. In caso di bisogno complesso, ossia quando nel corso del processo di presa in carico da parte di uno dei punti di accesso si ritiene che esistano situazioni multiproblematiche e condizioni di complessità, che richiedano un’attività integrata con la partecipazione sia del servizio sociale che del servizio sanitario, la PUA contatta il MMG/PLS il quale, se non ha già prodotto richiesta, formula su apposita modulistica, la proposta motivata di ammissione ai servizi sociosanitari integrati per l’ulteriore invio del soggetto in UVI.

La segnalazione alla PUA può essere attivata dal singolo cittadino interessato, da un familiare, parente o componente della rete informale (es. vicinato), da un tutore giuridico, dai servizi sanitari (UO ospedaliere, UO distrettuali, MMG/PLS, strutture residenziali), dai servizi sociali o da altri servizi dell’Ambito territoriale.

La richiesta deve essere effettuata attraverso la Scheda di accesso al sistema dei Servizi, approvata con D.G. R.C. n.790 del 21/12/2012 “Linee Operative per l’accesso unitario ai Servizi Socio-sanitari-PUA”. La PUA è operativa in tutti i Comuni afferenti all’Ambito B1 ed è integrata con la P.U.A. attivata dal Distretto Sanitario BN1. Il funzionamento del servizio è garantito da n. 8 unità di personale (assistenti sociali) adibite a funzioni di accesso, valutazione del fabbisogno e presa in carico degli utenti. 

Sedi PUA e contatti

  • Comune di Benevento – Settore  Servizi al Cittadino – Viale dell’Università, 10

Apertura: dal lunedì al venerdì ore 9,00 – 12,00 e martedì e giovedì, ore 15,30 – 17,30

Dott.ssa Annamaria VILLANACCI Referente Servizio Sociale Tel. 0824 772668 – e mail: a.villanacci@comunebn.it

Dott.ssa ROSA MAIELLO Tel. 0824 772608 – e mail: rosa.maiello@comunebn.it

Dott.ssa MARCELLA MONGILLO Tel. 0824 772605 – e mail: marcella.mongillo@comunebn.it

Dott.ssa MARIA CARMELA RAPUANO Tel. 0824 772621 – e mail: mariacarmela.rapuano@comunebn.it

Dott.ssa ANTONELLA PAGLIUCA Tel. 0824 772609 – e mail: antonietta.pagliuca@comunebn.it

Dott.ssa PREZIOSI CARMELINA Tel.0824 772607 – e mail: carmelina.preziosi@comunebn.it

Dott.ssa ROSSI GIUSEPPINA Tel. 0824 772609 – e mail: giuseppina.rossi@comunebn.it

Dott.ssa SANTINI STEFANIA Tel. 0824 772606 – e mail: stefania.santini@comunebn.it

Dott.ssa VESCE STEFANIA Tel. 0824 772685 – e mail: stefania.vesce@comunebn.it

  • Comune di Apollosa – Ufficio Servizi Sociali – Piazza Saponaro

Apertura: martedi e giovedi ore 9,00 – 12,00 Tel. 0824/44004 PEC: apollosa@pec.ctsannio.it

Assistente Sociale: Dott.ssa Preziosi Carmelina Tel. 0824/44004

  • Comune di Arpaise – Ufficio Servizi Sociali – Piazza Capone -Tel. 0824/46025 PEC: comunearpaise@asmepec.it

Apertura: martedì ore 9,30 – 12,30

Assistente Sociale: Dott.ssa Mongillo Marcella – Tel. 0824/46025

  • Comune di Ceppaloni – Ufficio Servizi Sociali – Piazza Carmine Rossi n. 1 Tel. 0824/66514 – PEC: protocollo.ceppaloni@asmepec.it

Apertura: lunedì ore15,30 -16,30, mercoledì e venerdì ore 9,30 – 12,30

Assistente Sociale: Dott.ssa Giuseppina Rossi Tel. 0824/66514

  • Comune di San Leucio del Sannio -Ufficio Servizi Sociali – Piazza Municipio

Apertura: mercoledì ore 9,30 -12,30 Tel. 0824/45004 PEC: protocollogenerale.sanleuciodelsannio@asmepec.it

Assistente Sociale: Dott.ssa Maria Carmela Rapuano- Tel. 0824/45004