Benevento - sito web ufficiale della città - Amministrazione trasparente

Enti pubblici vigilati

Art. 22, cc. 1,2,3, d.lgs. n. 33/2013

Ciascuna amministrazione pubblica e aggiorna annualmente l'elenco degli enti pubblici, comunque denominati, istituiti, vigilati e finanziati dalla amministrazione medesima ovvero per i quali l'amministrazione abbia il potere di nomina degli amministratori dell'ente, con l'elencazione delle funzioni attribuite e delle attivita' svolte in favore dell'amministrazione o delle attivita' di servizio pubblico affidate

ASI Benevento
Consorzio per l’Area di Sviluppo Industriale della Provincia di Benevento
Sito http://www.asibn.it/

Art. 4 dello Statuto (Scopo).

Il Consorzio ASI ha lo scopo di promuovere, sulla base delle linee guida fornite dal Piano d’azione per lo sviluppo economico regionale, di seguito denominato Paser, le condizioni necessarie per la creazione e lo sviluppo di attività imprenditoriali e dei relativi servizi alle imprese, ed esercita le funzioni amministrative relative all’adozione di piani e di attrezzatura ambientale delle aree in esse comprese, le espropriazioni dei suoli e le eventuali accessioni da assegnare per attività industriali e dei servizi alle imprese, nonché gli atti di assegnazione degli impianti e di servizi consortili.

Il Consorzi ASI attiva le consulenze ed i servizi reali alle imprese.

Il Consorzio ASI adotta il Programma di Sviluppo finalizzato alla valorizzazione ed al consolidamento delle attività imprenditoriali maggiormente rilevanti dal punto di vista sociale.

In particolare, il Consorzio ASI:
a) progetta, realizza e gestisce gli spazi, gli immobili ed i servizi essenziali all’insediamento ed al lavoro delle imprese, comprese le opere di urbanizzazione, le infrastrutture ed i servizi comuni destinati alle attività collettive, al verde pubblico ed ai parcheggi, ai rustici industriali, ai centri commerciali e di servizi, in conformità alla vigente disciplina urbanistica;
b) progetta, realizza e gestisce all’interno degli agglomerati industriali gli impianti di depurazione degli scarichi, di trattamento delle acque, le reti idriche di acqua potabile e riciclata, le reti fognanti, i pozzi di attingimento di acqua di falda;
c) progetta, realizza e gestisce, salvo diverse disposizioni di legge, gli impianti di produzione e di approvvigionamento di energia elettrica, di distribuzione di gas naturale, di fonti energetiche rinnovabili, a servizio delle aree industriali e delle aziende insediate;
d) gestisce, anche in accordo con gli enti competenti, le opere di urbanizzazione, i beni, le infrastrutture ed i servizi comuni di ciascun agglomerato industriale, con particolare riferimento alla rete stradale, ai sistemi di trasporto ed alla mobilità sostenibile, alla manutenzione del verde, alla vigilanza ed alla sicurezza interna, alla raccolta dei rifiuti, ai servizi antincendio, alle reti di monitoraggio per inquinanti, alla raccolta e divulgazione di dati meteorologici, alla cartellonistica, agli impianti sportivi;
e) promuove le attività in favore della qualità del lavoro in ciascun agglomerato, quali a titolo esemplificativo i sistemi di rete locale senza fili o a banda larga, i servizi postali, di lavanderia e di farmacia, gli asili nido e le scuole, le attività fonte: http://burc.regione.campania.it n. 14 del 2 Marzo 2015centralizzate di formazione, di conciliazione dei tempi casa-lavoro, gli sportelli bancari, i servizi di ristorazione, la realizzazione e la gestione di strutture di ospitalità e dei centri – congressi;
f) cura le attività indirette utili per concorrere al rafforzamento della competitività dei sistemi produttivi, in conformità a quanto previsto dall’art. 15 della legge regionale n. 19/2013;
g) incentiva lo sviluppo di risorse immateriali predisponendo, anche in partenariato, progetti finalizzati all’aumento della dotazione sistemica delle risorse immateriali nella forma dei centri di servizi alle imprese e con l’ideazione del marchio distrettuale di qualità, oppure con altre iniziative che perseguono lo stesso obiettivo, nonché progetti per la formazione delle figure professionali maggiormente coinvolte nella realizzazione degli obiettivi del Programma di Sviluppo e di ogni ulteriore azione coerente con le previsioni di cui all’art. 16 della legge regionale n. 19/2013;
Il Consorzio ASI cura la realizzazione di progetti e di programmi in favore delle imprese industriali nel settore ambientale e della protezione dell’ambiente, anche attraverso reti di imprese e promuove comportamenti di sviluppo sostenibile e la diffusione di indicazioni delle migliori tecniche disponibili per favorire la prevenzione dell’inquinamento ed il continuo miglioramento delle prestazioni ambientali delle zone industriali.

A tal fine il Consorzio ASI:
a) definisce con i Comuni nei cui territori ricadono gli agglomerati industriali gli accordi per attivare lo sportello unico delle imprese, come unica struttura responsabile dell’intero procedimento per la realizzazione, l’ampliamento, la ristrutturazione, la riconversione di impianti produttivi e per l’esecuzione di opere interne ai fabbricati, nonché per la determinazione delle aree destinate agli investimenti produttivi;
b) persegue le riduzioni delle emissioni climalteranti e dei rifiuti, la diminuzione dell’inquinamento atmosferico, il riciclo di acque reflue ed il loro riuso ai fini industriali e di antincendio, il risparmio di acqua potabile;
c) favorisce l’applicazione di strumenti di monitoraggio per la conoscenza sistematica delle caratteristiche qualitative del territorio e per la verifica dell’andamento di indicatori di prestazioni definite;
d) ricerca le forme di finanziamento, gli strumenti di incentivazione o la semplificazione burocratica che premiano le organizzazioni in linea con gli orientamenti della strategia ambientale;
e) concorre al miglioramento della raccolta, della separazione e del recupero dei rifiuti o, altresì, può sostenere lo sviluppo e l’organizzazione dei mercati locali, del lavoro e la creazione di filiere locali;
f) provvede all’adeguamento della dotazione infrastrutturale e alle specifiche esigenze delle attività economicoimprenditoriali dei consorziati;
g) attua le azioni per il sostegno dei livelli occupazionali e per la formazione delle risorse umane locali, anche mediante accordi con le università e con gli istituti di ricerca;
h) intraprende iniziative per l’orientamento e la formazione professionale dei lavoratori, dei quadri direttivi ed intermedi e dei giovani imprenditori;
i) progetta e realizza i rustici industriali per i quali, ove assegnati a giovani imprenditori e/o a nuove attività produttive, saranno applicate condizioni agevolate anche per le spese dovute per la gestione e la manutenzione delle aree consortili;
l) progetta, realizza e gestisce, salvo diversa disposizione di legge, gli impianti di produzione e di distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili, a servizio delle aziende insediate nelle aree industriali di competenza.

Avvalendosi delle funzioni amministrative ad esso riservate, il Consorzio ASI promuove l’espropriazione di aree ed immobili necessari ai fini dell’attrezzatura della zona e della localizzazione di attività industriali e di servizi e può, quindi, vendere o cedere in uso ad imprese industriali e di servizi le aree e gli immobili che il Consorzio ASI abbia a qualsiasi titolo acquisito.

Per il raggiungimento degli anzidetti scopi, il Consorzio ASI può assumere qualunque iniziativa idonea quale, ad esempio, concorrere a bandi, contrarre mutui, ricorrere a forme di finanziamento con risorse private.

   
Delibera Consiglio Generale n°1 del 14/05/2012: Presa d'atto della regolare costituzione del Consiglio Generale
 
Codice Fiscale/Partita IVA 80003310622/00853640621
Ragione sociale Ente Pubblico Economico
Capitale Sociale €. 25.823,00
% di possesso del Comune 30%
Durata impegno Inizio 14/11/1967
Durata impegno Fine 01/04/2028
Rappresentanti Comune Avv. Stanislao Lucarelli, Dott. Marco Cangiano, Dott. Alfonso Boscarelli
Altri rappresentanti  
Consiglio di Amministrazione
Presidente Avv. Luigi Diego Perifano Compenso
15.645,00
Componente CDA Dott. Cosimo Rummo Compenso
8.448,36
Componente CDA Dott. Giorgio Nardone Compenso
8.448,36
Componente CDA Avv. Stanislao Lucarelli Compenso
8.448,36
Componente CDA Dott. Luigi Barone Compenso
4.224,12
Organigramma    
Direzione
Direttore Dott. Giuseppe Rillo
Risultati economici degli ultimi tre esercizi Anno 2012  
- 837.460,00
Anno 2013  
25.963,00
Anno 2014  
36.262,00
Sito http://www.asibn.it/
   

 

Patto Territoriale della Provincia di Benevento 2017